Babbo natale

[cryout-multi][cryout-column width=”1/4″] Il principio cardine del programma Pitagora Mundus, si basa sull’investimento in capitale umano compiuto da parte di Enti statali o sub statali  extraeuropei, che individuano nei sistemi di istruzione e formazione europei  – di carattere professionale e non –  un modello educativo privilegiato in quanto valutato più competitivo, efficiente ed efficace ad un futuro inserimento degli studenti che usufruiscono di tale opportunità – una volta diplomati e/o laureati –  nel tessuto economico, produttivo del loro sistema nazionale . Tale operazione si basa sulla creazione ed il coordinamento di reti territoriali a carattere locale regionale e nazionale, che coinvolgono diversi enti pubblici e privati tra cui scuole, comuni, province, regioni, camere di commercio, ministeri, ambasciate etc. in Italia e all’estero. [/cryout-column] [cryout-column width=”1/2″]

Il Programma Pitagora Mundus in effetti propone un differente modello di sviluppo locale sistemico in armonia ed orientato ai principi di economia della conoscenza della strategia di Lisbona, ai principi del  c.d. processo di Bruges-Copenaghen ed agli obiettivi di Europa 2020 .   Tutti ambiti di azione richiamati nell’accordo sottoscritto il 25 Settembre 2015 dai leader mondiali chiamato The Global Goals. For Sustainable Development. In pratica un impegno per il raggiungimento  di 17 obiettivi globali per raggiungere tre traguardi fondamentali tra oggi e l’anno 2030 Porre fine alla Povertà estrema. Combattere la disuguaglianza e l’ingiustizia. Porre rimedio al cambiamento climatico. Gli obiettivi globali per lo sviluppo sostenibile possono portare risultati positivi. In tutti i paesi. Per tutte le persone. Dalla Calabria. Per la Calabria. Alla Calabria. [/cryout-column][cryout-column width=”1/4″]    L’ azione si ispira all’idea di trasformare i piccoli borghi italiani in aree di formazione e conoscenza della cultura europea calibrata a favorire un inserimento agevole nel mercato del lavoro internazionale e a beneficio di Paesi extraeuropei che condividano lo stesso percorso di formazione e di crescita per i propri studenti.   Il supporto dei diversi attori coinvolti, sostanziato attraverso contributi di diverso genere, entità e consistenza (di carattere finanziario, erogazione di servizi e consulenze, supporti logistici etc.)  consentono di offrire delle borse di studio a Governi statali o substatali esteri disposti, così come sopra detto,  a cofinanziare il programma per offrire tale opportunità a giovani studenti del proprio paese. [/cryout-column] [/cryout-multi] Questo, se da un lato garantisce una sostanziale sostenibilità al programma, permette contemporaneamente di creare gradualmente una vasta rete connettiva tra diverse istituzioni che pongono al centro la crescita, l’educazione e la formazione di giovani che, attraverso una comune matrice educativa europea, permette al contempo loro di confrontarsi con coetanei italiani e stranieri, partecipanti allo stesso programma e provenienti da Paesi diversi, spesso di continenti diversi,  con diverse culture, lingue, religioni e contesti sociali di appartenenza.   Nel 2015 il programma è stato selezionato dal  MIUR quale programma d’eccellenza e presentato a EXPO di Milano nel settembre 2015.

Comments are closed.